Coprofagia

1 min read

La coprofagia è la pratica anomala che consiste nel mangiare deliberatamente le feci, siano esse proprie o altrui.

Questa manifestazione, abbastanza diffusa negli animali, nell’ambito umano è considerata una grave degenerazione psicotica.

Di fatto, la coprofagia è individuabile in bambini affetti da gravi deficit mentali, a volte nelle persone affette da schizofrenia, in patologie come i tumori del lobo frontale del cervello e in alcune forme gravi di demenza.

I rischi riguardanti questa pratica sono soprattutto legati all’igiene e alla trasmissione di malattie.

Infatti, le feci sono il principale veicolo di trasmissione di vermi e parassiti oltre a contenere numerosi virus e batteri.

Va sottolineato il fatto che, in presenza di sangue nelle feci, si possono trasmettere anche malattie come l’epatite e l’HIV.

Per tale ragione, la coprofagia andrebbe assolutamente evitata, anche nel mondo animale (ad esempio nel caso di animali domestici, più facilmente controllabili).

E-Medicine.org - cane-coprofagia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.